Saga di Geralt di Rivia – Andrzej Sapkowski

Carissimi Lettori,

chi mi segue conosce la mia passione per i libri fantasy e le relative saghe. Tra le varie saghe in cui mi sono imbattuta, la Saga di Geralt di Rivia si è ritagliata una gran fetta nel mio cuore ed è per questo che ho deciso di dedicargli una intera pagina del mio blog. In questa pagina troverete alcune notizie sullo scrittore e sui suoi libri, troverete le recensioni di ogni singolo volume, man mano che andrò a leggerli, e alcune curiosità in merito. Tutte le notizie riportate qui sotto derivano dalla fonte Wikipedia.

Buona Lettura 😉

geraltdirivia

La Saga di Geralt di Rivia è una serie di romanzi e racconti fantasy scritta dall’autore polacco Andrzej Sapkowski tra il 1990e il 1999 e nel 2013. La serie è composta da due raccolte di racconti (Il Guardiano degli Innocenti e La Spada del Destino) e da sei romanzi che narrano le avventure di Geralt di Rivia, uno degli ultimi strighi della sua epoca. Gli strighi sono umani modificati geneticamente con il fine di farli diventare cacciatori di mostri. Da questa saga è stata poi tratta una serie di videogiochi iniziata con The Witcher nel 2007.

Prima di diventare scrittore, Andrzej Sapkowski ha studiato economia e ha lavorato come rappresentante alla vendita per una società straniera. Sin da giovane si appassiona alla letteratura fantasy, specie ad autori quali J. R. R. TolkienUrsula Le GuinRoger ZelaznyMichael MoorcockJack VanceStephen R. Donaldson e Marion Zimmer Bradley. Quando la celebre rivista fantascientifica polacca Fantastyka organizza un concorso letterario, decide di partecipare scrivendo nell’inverno 1985 il racconto Wiedźmin (Lo strigo). Il racconto ottiene l’attenzione inaspettata dei lettori polacchi, e spinto dalle loro richieste Sapkowski decide di continuare a scrivere sullo strigo Geralt e di intraprendere la carriera di scrittore.

Questi racconti brevi appaiono, di anno in anno, tra le pagine di Fantastyka, per poi essere inserite e pubblicate insieme nel 1990 nella raccolta Wiedźmin. Nello stesso anno l’autore firma un contratto con la casa editrice SuperNOWA, e delle storie brevi inedite appaiono nel volume La spada del destino, del 1992. L’anno successivo le cinque storie meno una di Wiedźmin vengono ripresentate insieme a tre racconti inediti, dei quali uno che faccia da cornice agli altri, in Il guardiano degli innocenti. A quel punto Sapkowski decide di scrivere una saga di cinque libri, che verranno scritti e pubblicati, dal 1994 al 1999, sempre da SuperNOWA. Nel 2013, a distanza di quattordici anni dalla fine della saga, viene pubblicato un sesto libro, ambientato tra le storie delle prime due raccolte.

AMBIENTAZIONE

Le vicende della saga sono ambientate lungo la costa occidentale di un continente immaginario del quale non viene mai esplicitato il nome. Mentre i territori meridionali sono dominati dall’Impero di Nilfgaard, i territori settentrionali sono suddivisi in una moltitudine di regni e principati spesso in lotta tra di loro. La popolazione dei regni è eterogenea in quanto agli umani si affiancano le cosiddette Razze Antiche, costituite da elfi, nani e gnomi. Un tempo essi erano le popolazioni autoctone del continente, ma quando gli umani sbarcarono lungo le coste furono via via cacciati dalle loro terre e costretti a decidere se vivere come cittadini di seconda classe tra gli umani o vivere di stenti nelle zone selvagge e nelle riserve.

Oltre agli umani e alla razze antiche, nel Continente albergano una grande varietà di creature e mostri più o meno aggressivi che, specie nella fase iniziale della colonizzazione, minacciavano le esistenze degli uomini. Al fine di proteggere i coloni, nacque un’organizzazione di guerrieri conosciuti in seguito come strighi; essi, grazie a particolari pratiche segrete che includevano l’utilizzo di speciali funghi, erbe mutagene e pozioni, divennero capaci di affrontare alla pari i mostri che infestavano il mondo. Secoli dopo, i mostri divennero rari e più schivi e il lavoro per gli strighi cominciò a scarseggiare, segnando il tramonto dell’ordine.

FONTE

RACCONTI BREVI

Nei racconti poi raccolti in parte nell’antologia dalla tiratura limitata Wiedźmin e nelle raccolte La spada del destino e Il guardiano degli innocenti viene introdotto il mondo in cui lo strigo Geralt viaggia costantemente in cerca di contratti per l’uccisione di mostri, e il suo modo neutrale ma comunque scrupoloso di vedere i problemi che le persone gli chiedono di risolvere, proposte che non sempre accetta per via di un suo personale “codice” che vede l’eliminazione di soli mostri che mettano davvero a repentaglio la vita delle persone, con l’esclusione di creature senzienti o in via d’estinzione, come i draghi. In alcune delle vicende narrate vengono gettate le basi per lo sviluppo della storia che vedrà affidata a Geralt la piccola Ciri (in La spada del destino) e vengono introdotte le figure dei personaggi Yennefer e Ranuncolo (più approfonditamente in Il guardiano degli innocenti).

Annunci